Chi ha venduto al mondo la sua innocenza si è già condannato da solo

2015/01/img_2835.jpg

Osservo le persone che varcano la soglia dell’eremo. Il cancello è aperto per accoglierli, la mia casa è la loro casa. Mi trovano lì, seduto davanti al mio cavalletto, immerso nei colori e nella musica. Non ci sono obblighi o formalità, possono accomodarsi e visitare liberamente, percorrere i corridoi, osservare le mie opere. I miei collaboratori li aiutano indicando loro la strada, illuminando le stanze per il loro cammino.

Possono scegliere di sedersi a cerchio intorno a me, ed osservarmi lavorare, vedere la tela che si riempie di pennellate multicolori, mentre un’immagine di pura bellezza prende gradualmente vita davanti a loro. Possono domandare ciò che desiderano, e sarà loro risposto. Oppure restare in silenzio e contemplare questo mondo diverso e remoto che si spalanca davanti a loro, lontano e ignaro della bruttezza e della cattiveria che alberga altrove.

Osservo i loro sguardi e mi rallegro. La loro iniziale curiosità d’improvviso si scioglie nella meraviglia; spalancano gli occhi e la bocca, sorridono, si sentono inebriati. Sono come bambini che scoprono finalmente un luogo incantato. Questo mi conforta. L’Arte è ancora in grado di risvegliare la loro innocenza, di parlare ai sentimenti che albergano riposti nei loro cuori. E’ per questo che li intrattengo. Parlo con loro. Gioco con loro. Il pennello vola sulla tela, ed io volo con lui.

Salto, danzo, leggero e inafferrabile, in un’esplosione di pura gioia, senza freni. Non temo il loro giudizio, non ho alcun timore di sorprenderli o di suscitare malevole ilarità. E’ solo gioia e bellezza, ed io sono leggero, provo il mio volo di libellula, immerso nel calore di un’energia pulita e positiva, quella stessa energia che ha sanato il mio corpo malato, e che mi ha preservato nelle sofferenze e nelle avversità: il frutto dell’amore.

Poveri coloro che non comprendono, sfortunati quelli che hanno paura di liberare il loro spirito nella bellezza. Vuol dire che hanno abbandonato il bambino che è in loro. Che hanno perso la loro innocenza, barattandola con le lusinghe di un mondo falso, corrotto e corruttore, che li ha impoveriti e inariditi. Hanno venduto al mondo la loro innocenza, si sono condannati da soli. Qui tutto è luce e colore. Mentre loro restano nel buio della loro grigia incomunicabilità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...